Serie D girone F: Cesena torna fra i professionisti; ecco tutti i verdetti

cesena serie c

Al Cesena bastava un punto per l matematica ed è arrivato sul campo del Real Giulianova con un 1 - 1 firmato nel primo tempo grazie alle reti di D'Alessandro per il Cesena ed il apreggio di Tozzi Barsoi dopo 10 minuti. Festa per entrambi visto che il risultato è bastato anche al Giulianova per guadagnarsi la salvezza senza passare dai playout. Non riesce, dunque, la rincorsa miracolosa del Matelica, che si fa fermare dall’Isernia; 1-1 anche nelle Marche, con gol di Favo e Ciccone. Disperazione da entrambe le parti al 90esimo: se il Matelica dovrà ancora una volta passare per i playoff e sperare in un improbabile ripescaggio, l’Isernia saluta invece la Serie D e torna in Eccellenza con una dolorosa retrocessione diretta.

Si qualificano per i playoff, oltre al Matelica secondo, la Recanatese (sconfitta 2-0 dal Forlì), il Pineto (sconfitto 1-0 ad Avezzano) ed a sorpresa la Sangiustese, che scavalca in extremis il Francavilla vincendo 2-1 contro la Jesina. In gol Tizi e Cheddira, con Anconetani a referto per gli ospiti. Gli uomini di Rachini, invece, pareggiano per 2-2 al Valle Anzuca contro la Savignanese ed escono dalla zona spareggi: non bastano i centri di Dos Santos e Palumbo per gli abruzzesi, visti i gol ospiti di Brigliadori e Guidi. Il Francavilla saluta dunque la possibilità di giocare i playoff dopo una bella stagione, purtroppo condita da un pizzico di discontinuità.

Non riesce a salvarsi direttamente l’Avezzano, che pure supera il Pineto grazie ad un gol di Leo Grazioso nella ripresa. L’impresa di giornata è infatti quella del Forlì, che supera con un 2-0 secco la Recanatese e si attesa in zona salvezza.
Andrà a giocarsi i playout anche la Vastese, battuta 3-2 dall’Olympia Agnonese  Gli avezzanesi dovranno invece affrontare nel playout il Santarcangelo, che oggi ha superato 3-2 il Notaresco (doppietta di Bernardi e gol di De Cerchio per i romagnoli, centri di Minella e Bontà per gli abruzzesi) mandando all’inferno l’Isernia.
Insieme ai molisani  retrocede in eccellenza direttamente anche  il Castelfidardo.

Tags: