Coppa Italia Lega Pro - girone P - Il Catanzaro supera la Vigor Lamezia nel finale

 

Nell'attesa sfida di Coppa tra Catanzaro e Vigor Lamezia, hanno la meglio i padroni di casa solo nel finale e grazie ad una prodezza balistica di Russotto. Gara ben disputata dalle due contendenti anche se i carichi di lavoro non hanno dato molta lucidità nelle conclusioni. Molto possesso palla per il Catanzaro anche se tante volte è stato costretto a girare largo grazia alla grossa densità creata in mezzo dagli uomini di mister Costantino. E’ la Vigor Lamezia a cercare la porta con Del Sante al cospetto di un Catanzaro entrato in campo un po’ contratto, come ammetterà al termine Oscar Brevi, anche per via della buona cornice di pubblico tale da caricare di responsabilità i nuovi arrivati. Ma col passare dei minuti ci hanno pensato Russotto e Fioretti a far venir fuori il carattere e l’orgoglio dei tempi migliori. Così dopo un quarto d’ora il Catanzaro si è trovato a dover rimontare la rete di Del Sante (su cross di Rondinelli a sua volta servito da Mangiapane), con la difesa casalinga non esente da cole. Lo svantaggio, però dura poco, visto che dopo soli tre minuti ci pensa Fioretti, di testa su una palla proveniente dal destro di Martignago.

Ristabilita la parità, il Catanzaro cerca nuovamente con Fioretti di sorprendere Rosti che si fa trovare pronto e blocca il colpo di testa (28’). Poco altro nella prima frazione di gioco salvo segnalare l’infortunio occorso alla boa d’attacco biancoverde Del Sante, costretto ad uscire.

Nella ripresa le formazioni non stanno a guardare e si affrontano a viso aperto anche se col passare dei minuti le energie inziano a venir meno. Così tra una punizione di Mangiapane (3’), una traversa di Sabatino (8’) con la ribattuta di Rigione deviata in corner, si arriva ai minuti finali quando dal piede di Russotto, che al 38’ ha già cercato la rete su punizione, arriva la marcatura della vittoria grazia alla "solita" punizione calciata in modo magistrale che sorprende il pur bravo Rosti. Il 2-1 per il Catanzaro non cambia più.

La Vigor Lamezia esce dal campo a testa alta e con buoni riscontri dal confronto contro una formazione che affronterà una categoria superiore, per il Catanzaro c’è da lavorare ma il credo tattico intrapreso da Brevi è già ben visibile.

Carlo Talarico

 

CATANZARO-VIGOR LAMEZIA 2-1

MARCATORI: 14' Del Sante (V), 17' pt Fioretti (C), 42’ st Russotto (C)

CATANZARO (4-3-3): Scuffia; Catacchini, Rigione, Ferraro, Sabatino (19’ st Calvarese); Uliano, Marchi (28’ st Casini), Benedetti (28’ st Germinale); Russotto, Fioretti, Martignago. A disp.: Faraon, Squillace, Orchi, Fiore. All.: Brevi.

VIGOR LAMEZIA (4-2-3-1): Rosti; Rapisarda, Marchetti, Gattari, Malerba; Scarsella, Romano; Rondinelli (44’ st Torcasio), Mangiapane (34’ st Strumbo), Zampaglione; Del Sante (43' pt D'Amico). A disp.: Bibba, Gona, Perrino, De Giorgi. All.: Costantino.

ARBITRO: Domenico Rocca di Vibo Valentia (Tudisco-Maiorano)

NOTE: ammoniti: Del Sante (V), Rondinelli (V), Martignago (C), Sabatino (C), Scarsella (V), Marchetti (V). Espulso Gattari al 33’ st per somma di ammonizioni. Calci d'angolo 5 a 2 per il Catanzaro. Recupero: 1'pt/4'st. Spettatori: 1750 paganti, incasso non comunicato.